Электронная библиотека » Giosue Carducci » » онлайн чтение - страница 3

Текст книги "Odi barbare"


  • Текст добавлен: 29 августа 2016, 23:13


Автор книги: Giosue Carducci


Жанр: Зарубежная старинная литература, Зарубежная литература


сообщить о неприемлемом содержимом

Текущая страница: 3 (всего у книги 4 страниц)

Шрифт:
- 100% +
ALLA REGINA D’ITALIA

XX NOV. MDCCCLXXVIII


 
Onde venisti? Quali a noi secoli
sí mite e bella ti tramandarono?
fra i canti de’ sacri poeti
dove un giorno, o regina, ti vidi?
 
 
Ne le ardue rocche, quando tingeasi
a i latin’ soli la fulva e cerula
Germania, e cozzavan nel verso
nuovo l’armi tra lampi d’amore?
 
 
Seguiano il cupo ritmo monotono
trascolorando le bionde vergini,
e al ciel co’ neri umidi occhi
impetravan mercé per la forza.
 
 
O ver ne i brevi dí che l’Italia
fu tutta un maggio, che tutto il popolo
era cavaliere? Il trionfo
d’Amor gía tra le case merlate
 
 
in su le piazze liete di candidi
marmi, di fiori, di sole; e «O nuvola
che in ombra d’amore trapassi, —
l’Alighieri cantava – sorridi!»
 
 
Come la bianca stella di Venere
ne l’april novo surge da’ vertici
de l’alpi, ed il placido raggio
su le nevi dorate frangendo
 
 
ride a la sola capanna povera,
ride a le valli d’ubertà floride,
e a l’ombra de’ pioppi risveglia
li usignoli e i colloqui d’amore:
 
 
fulgida e bionda ne l’adamàntina
luce del serto tu passi, e il popolo
superbo di te si compiace
qual di figlia che vada a l’altare;
 
 
con un sorriso misto di lacrime
la verginetta ti guarda, e trepida
le braccia porgendo ti dice
come a suora maggior «Margherita!»
 
 
E a te volando la strofe alcaica,
nata ne’ fieri tumulti libera,
tre volte ti gira la chioma
con la penna che sa le tempeste:
 
 
e, Salve, dice cantando, o inclita
a cui le Grazie corona cinsero,
a cui sí soave favella
la pietà ne la voce gentile!
 
 
Salve, o tu buona, sin che i fantasimi
di Raffaello ne’ puri vesperi
trasvolin d’Italia e tra’ lauri
la canzon del Petrarca sospiri!
 
COURMAYEUR
 
Conca in vivo smeraldo tra foschi passaggi dischiusa,
o pia Courmayeur, ti saluto.
Te da la gran Giurassa da l’ardüa Grivola bella
il sole piú amabile arride.
 
 
Blandi misteri a te su’ boschi d’abeti imminente
la gelida luna diffonde,
mentre co ‘l fiso albor da gli ermi ghiacciaï risveglia
fantasime ed ombre moventi.
 
 
Te la vergine Dora, che sa le sorgive de’ fonti
e sa de le genti le cune,
cerula irriga, e canta; gli arcani ella canta de l’alpi
e i carmi de’ popoli e l’armi.
 
 
De la valanga il tuon da l’orrida Brenva rintrona
e rotola giú per neri antri:
sta su ‘l verone in fior la vergine, e tende lo sguardo,
e i verni passati ripensa.
 
 
Ma da’ pendenti prati di rosso papavero allegri
tra gli orzi e le segali bionde
spicca l’alauda il volo trillando l’aerea canzone:
io medito i carmi sereni.
 
 
Salve, o pia Courmayeur, che l’ultimo riso d’Italia
al piè del gigante de l’Alpi
rechi soave! te, datrice di posa e di canti,
io reco nel verso d’Italia.
 
 
Va su’ tuoi verdi prati l’ombria de le nubi fuggenti,
e va su’ miei spirti la musa.
Amo al lucido e freddo mattin da’ tuoi sparsi casali
il fumo che ascende e s’avvolge
 
 
bigio al bianco vapor da l’are de’ monti smarrito
nel cielo divino. Si perde
l’anima in lento error: vien da le compiante memorie
e attinge l’eterne speranze.
 
IL LIUTO E LA LIRA
A MARGHERITA REGINA D’ITALIA
 
Quando la Donna Sabauda il fulgido
sguardo al lïuto reca e su ‘l memore
ministro d’eroici lai
la mano e l’inclita fronte piega,
 
 
commove un conscio spirito l’agili
corde, e dal seno concavo mistico
la musa de’ tempi che fûro
sale aspersa di faville d’oro;
 
 
e un coro e un canto di forme aeree,
quali già vide l’Alighier movere
ne’ giri d’armonica stanza,
cinge l’italica Margherita.
 
 
«Io – dice l’una, cui la cesarie
inonda bionda gli omeri nivei
e gli occhi natanti nel lume
de l’estasi chiedono le sfere —
 
 
io son, regina, – dice – la nobile
Canzone; e a’ cieli volai da l’anima
di Dante, quand’egli nel maggio
angeli e spiriti lineava.
 
 
Io del Petrarca sovra le lacrime
passai tingendo d’azzurro l’aere
e accesi corone di stelle
in su l’aurea treccia d’Avignone.
 
 
Non mai piú alto sospiro d’anime
surse dal canto. Di te le laudi
a’ due leverò che l’Italia
poeti massimi rivelaro».
 
 
«A me la terra piace – nel cantico
una seconda balzando applaude
con l’asta e lo scudo, e da l’elmo
fosca fugge a’ venti la criniera —.
 
 
Piace, se lampi d’acciaio solcano,
se ferrei nembi rompono l’aere
e cadon le insegne davanti
al flutto e a l’impeto de’ cavalli.
 
 
A cui la morte teme non ridono
le muse in cielo, quaggiú le vergini.
Avanti, Savoia! non anche
tutta desti la bandiera al vento.
 
 
La Sirventese sono. A me l’aquila
che da Superga rivola al Tevere
e i folgori stringe severa
dritta ne l’iride tricolore»
 
 
«Ed io – la terza dice, di mammole
vïole un cerchio tessendo, e semplice
di rose e ligustri il sembiante
ombra sotto la castanea chioma —
 
 
la Pastorella sono. Di facili
amori e sdegni, danze e tripudii,
non piú rendo gli echi: una nube
va di tristizïa su la terra.
 
 
A te da’ verdi mugghianti pascoli,
da’ biondi campi, da le pomifere
colline, da’ boschi sonanti
di scuri e dal fumo de’ tuguri,
 
 
io reco il blando riso de’ parvoli,
di spose e figlie reco le lacrime
e i cenni de’ capi canuti
che ti salutano pïa madre».
 
 
Tali, o Signora, forme e fantasimi
a voi d’intorno cantando volano
dal vago liuto: a la lira
io li do di Roma imperïante,
 
 
qui dove l’Alpi de le virginee
cime piú al sole diffusa raggiano
la bianca letizia da immenso
circolo, e cerula tra l’argento
 
 
per i tonanti varchi precipita
la Dora a valle cercando Italia,
e sceser vostri avi ferrati
con la spada e con la bianca croce.
 
 
Dal grande altare nival gli spiriti
del Montebianco sorgono attoniti,
a udire l’eloquio di Dante,
ne’ ritmi fulgidi di Venosa,
 
 
dopo cotanto strazio barbarico
ponendo verde sempre di gloria
il lauro di Livia a la fronte
de la Sabauda Margherita,
 
 
a voi, traverso l’onde de i secoli,
di due forti evi ricantar l’anima,
o figlia e regina del sacro
rinnovato popolo latino.
 

DELLE ODI BARBARE. LIBRO II

CÈRILO
 
Non sotto ferrea punta che strida solcando maligna
dietro un pensier di noia l’aride carte bianche;
 
 
sotto l’adulto sole, nel palpito mosso da’ venti
pe’ larghi campi aprici, lungo un bel correr d’acque,
 
 
nasce il sospir de’ cuori che perdesi ne l’infinito,
nasce il dolce e pensoso fior de la melodia.
 
 
Qui brilla il maggio effuso ne l’aere odorato di rose,
brillano gli occhi vani, dormon ne’ petti i cuori:
 
 
dormono i cuor, si drizzan le orecchie facili quando
la variopinta strilla nota de la Gioconda.
 
 
Oh de le Muse l’ara dal verde vertice bianca
su ‘l mare! Alcmane guida i virginei cori:
 
 
«Voglio con voi, fanciulle, volare, volare a la danza,
come il cèrilo vola tratto da le alcïoni:
 
 
vola con le alcïoni tra l’onde schiumanti in tempesta,
cèrilo purpureo nunzio di primavera».
 
FANTASIA
 
Tu parli; e, de la voce a la molle aura
lenta cedendo, si abbandona l’anima
del tuo parlar su l’onde carezzevoli,
e a strane plaghe naviga.
 
 
Naviga in un tepor di sole occiduo
ridente a le cerulee solitudini:
tra cielo e mar candidi augelli volano,
isole verdi passano,
 
 
e i templi su le cime ardui lampeggiano
di candor pario ne l’occaso roseo,
ed i cipressi de la riva fremono,
e i mirti densi odorano.
 
 
Erra lungi l’odor su le salse aure
e si mesce al cantar lento de’ nauti,
mentre una nave in vista al porto ammàina
le rosse vele placida.
 
 
Veggo fanciulle scender da l’acropoli
in ordin lungo; ed han bei pepli candidi,
serti hanno al capo, in man rami di lauro,
tendon le braccia e cantano.
 
 
Piantata l’asta in su l’arena patria,
a terra salta un uom ne l’armi splendido:
è forse Alceo da le battaglie reduce
a le vergini lesbie?
 
RUIT HORA
 
O desïata verde solitudine
lungi al rumor de gli uomini!
qui due con noi divini amici vengono,
vino ed amor, o Lidia.
 
 
Deh, come ride nel cristallo nitido
Lieo, l’eterno giovine!
come ne gli occhi tuoi, fulgida Lidia,
trïonfa amore e sbendasi!
 
 
Il sol traguarda basso ne la pergola,
e si rinfrange roseo
nel mio bicchiere: aureo scintilla e tremola
fra le tue chiome, o Lidia.
 
 
Fra le tue nere chiome, o bianca Lidia,
langue una rosa pallida;
e una dolce a me in cuor tristezza súbita
tempra d’amor gl’incendii.
 
 
Dimmi: perché sotto il fiammante vespero
misterïosi gemiti
manda il mare là giú? quai canti, o Lidia,
tra lor quei pini cantano?
 
 
Vedi con che desio quei colli tendono
le braccia al sole occiduo:
cresce l’ombra e li fascia: ei par che chiedano
il bacio ultimo, o Lidia.
 
 
Io chiedo i baci tuoi, se l’ombra avvolgemi,
Lieo, dator di gioia:
io chiedo gli occhi tuoi, fulgida Lidia,
se Iperïon precipita.
 
 
E precipita l’ora. O bocca rosea,
schiuditi: o fior de l’anima,
o fior del desiderio, apri i tuoi calici:
o care braccia, apritevi.
 
ALLA STAZIONE IN UNA MATTINA D’AUTUNNO
 
Oh quei fanali come s’inseguono
accidïosi là dietro gli alberi,
tra i rami stillanti di pioggia
sbadigliando la luce su ‘l fango!
 
 
Flebile, acuta, stridula fischia
la vaporiera da presso. Plumbeo
il cielo e il mattino d’autunno
come un grande fantasma n’è intorno.
 
 
Dove e a che move questa, che affrettasi
a’ carri foschi, ravvolta e tacita
gente? a che ignoti dolori
o tormenti di speme lontana?
 
 
Tu pur pensosa, Lidia, la tessera
al secco taglio dài de la guardia,
e al tempo incalzante i begli anni
dài, gl’istanti gioiti e i ricordi.
 
 
Van lungo il nero convoglio e vengono
incappucciati di nero i vigili,
com’ombre; una fioca lanterna
hanno, e mazze di ferro: ed i ferrei
 
 
freni tentati rendono un lugubre
rintocco lungo: di fondo a l’anima
un’eco di tedio risponde
doloroso, che spasimo pare.
 
 
E gli sportelli sbattuti al chiudere
paion oltraggi: scherno par l’ultimo
appello che rapido suona:
grossa scroscia su’ vetri la pioggia.
 
 
Già il mostro, conscio di sua metallica
anima, sbuffa, crolla, ansa, i fiammei
occhi sbarra; immane pe ‘l buio
gitta il fischio che sfida lo spazio.
 
 
Va l’empio mostro; con traino orribile
sbattendo l’ale gli amor miei portasi.
Ahi, la bianca faccia e ‘l bel velo
salutando scompar ne la tènebra.
 
 
O viso dolce di pallor roseo,
o stellanti occhi di pace, o candida
tra’ floridi ricci inchinata
pura fronte con atto soave!
 
 
Fremea la vita nel tepid’aere,
fremea l’estate quando mi arrisero;
e il giovine sole di giugno
si piacea di baciar luminoso
 
 
in tra i riflessi del crin castanei
la molle guancia: come un’aureola
piú belli del sole i miei sogni
ricingean la persona gentile.
 
 
Sotto la pioggia, tra la caligine
torno ora, e ad esse vorrei confondermi;
barcollo com’ebro, e mi tócco,
non anch’io fossi dunque un fantasma.
 
 
Oh qual caduta di foglie, gelida,
continua, muta, greve, su l’anima!
io credo che solo, che eterno,
che per tutto nel mondo è novembre.
 
 
Meglio a chi ‘l senso smarrí de l’essere,
meglio quest’ombra, questa caligine:
io voglio io voglio adagiarmi
in un tedio che duri infinito.
 
MORS
NELL’EPIDEMIA DIFTERICA
 
Quando a le nostre case la diva severa discende,
da lungi il rombo de la volante s’ode,
 
 
e l’ombra de l’ala che gelida gelida avanza
diffonde intorno lugubre silenzïo.
 
 
Sotto la venïente ripiegano gli uomini il capo,
ma i sen feminei rompono in aneliti.
 
 
Tale de gli alti boschi, se luglio il turbine addensa,
non corre un fremito per le virenti cime:
 
 
immobili quasi per brivido gli alberi stanno,
e solo il rivo roco s’ode gemere.
 
 
Entra ella, e passa, e tocca; e senza pur volgersi atterra
gli arbusti lieti di lor rame giovani;
 
 
miete le bionde spiche, strappa anche i grappoli verdi,
coglie le spose pie, le verginette vaghe
 
 
ed i fanciulli: rosei tra l’ala nera ei le braccia
al sole a i giuochi tendono e sorridono.
 
 
Ahi tristi case dove tu innanzi a’ vólti de’ padri,
pallida muta diva, spegni le vite nuove!
 
 
Ivi non piú le stanza sonanti di risi e di festa
o di bisbigli, come nidi d’augelli a maggio:
 
 
ivi non piú il rumore de gli anni lieti crescenti,
non de gli amor le cure, non d’Imeneo le danze:
 
 
invecchian ivi ne l’ombra i superstiti, al rombo
del tuo ritorno teso l’orecchio, o dea.
 
UNA SERA DI SAN PIETRO
 
Ricordo. Fulvo il sole tra i rossi vapori e le nubi
calde al mare scendeva, come un grande clipeo di rame
che in barbariche pugne corrusca ondeggiando, poi cade.
Castiglioncello in alto fra mucchi di querce ridea
da le vetrate un folle vermiglio sogghigno di fata.
Ma io languido e triste (da poco avea scosso la febbre
maremmana, ed i nervi pesavanmi come di piombo)
guardava a la finestra. Le rondini rapide i voli
sghembi tessevano e ritessevano intorno le gronde,
e le passere brune strepïano al vespro maligno.
Brevi d’entro la macchia svariavano il piano ed i colli,
rasi a metà da la falce, in parte ancor mobili e biondi.
Via per i solchi grigi le stoppie fumavano accese:
or sí or no veniva su per le aure umide il canto
de’ mietitori, lungo, lontano, piangevole, stanco:
grave l’afa stringeva l’aër, la marina, le piante.
Io levai gli occhi al sole – O lume superbo del mondo,
tu su la vita guardi com’ebro ciclope da l’alto! —
Gracchiarono i pavoni schernendomi tra i melograni,
e un vipistrello sperso passommi radendo su ‘l capo.
 
PE ‘L CHIARONE DA CIVITAVECCHIA
LEGGENDO IL MARLOWE
 
Calvi, aggrondati, ricurvi, sí come becchini a la fossa,
stan radi alberi in cerchio de la sucida riva.
 
 
Stendonsi livide l’acque in linea lunga che trema
sotto squallido cielo per la lugubre macchia.
 
 
Bevon le nubi dal mare con pendule trombe, ed il sole
piove sprazzi di riso torbido sovra i poggi.
 
 
I poggi sembrano capi di tignosi ne l’ospitale,
l’un fastidisce l’altro da’ finitimi letti.
 
 
Scattan su da un cespuglio co ‘l guizzo di frecce mancate
due neri uccelli: cala con pigre ruote un falco.
 
 
Corrono, mentr’io leggo Marlowe, le smunte cavalle
de la vettura: il sole scema, la pioggia freme.
 
 
Ed ecco a poco a poco la selva infóscasi orrenda,
la selva, o Dante, d’alberi e di spiriti,
 
 
dove tra piante strane tu strane ascoltasti querele,
dove troncasti il pruno ch’era Pier de la Vigna.
 
 
Io leggo ancora Marlowe. Dal reo verso bieco, simile
a sogno d’uomo cui molta birra gravi,
 
 
d’odii et incèsti e morti balzando tra forme angosciose
esala un vapor acre d’orrida tristizia,
 
 
che sale e fuma, e misto a l’aër maligno feconda
di mostri intorno le pendenti nuvole,
 
 
crocida in fondo a’ fossi, ferrugigno ghigna ne’ bronchi,
filtra con la pioggia per l’ossa stanche. Io tremo.
 
 
Ah quei pini che il vento che il mare curvaron tanti anni
paiono traer guai contro di me: «Che importa
 
 
– dicon – tendere a l’alto? che vale combatter? che giova
amare? Il fato passa ed abbassa.» Ma tu,
 
 
tu sughero triste che a terra schiacciato rialzi
il capo, reo gobbo, bestemmïando Iddio,
 
 
perché mi tendi minaccioso le braccia tue torte?
che colpa ho io ne ‘l fato che ti danna?
 
 
E voi, lunghe ne ‘l mezzo del tetro recinto alberelle,
co’ rami spioventi, quasi canute chiome,
 
 
siete alberelle voi? siete le tre fiere sorelle
che aspettâr Macbeth su la fatale via?
 
 
Odo pauroso carme che voi bisbigliate co’ venti,
di rospi, di serpi, di sanguinari cuori.
 
 
Guglielmo, re de’ poeti da l’ardüa fronte serena,
perché mi mandi lugubri messaggi?
 
 
Io non uccisi il sonno, ben gli altri a me spensero il cuore:
non cerco un regno, io solo chieggio al mondo l’oblío.
 
 
Oblío? no, vendetta. Cadaveri antichi, pensieri
che tutti una ferita mostrate aperta e tutti
 
 
a tradimento, su! su da ‘l cimitero del petto,
su date a’ venti i vostri veli funebri.
 
 
Qui raduniam consiglio, qui ne l’orribile spazzo,
a l’ombre ignave, su le mortifere acque.
 
 
Qui gonfia di serpi tra ‘l fior bianco e giallo la terra,
pregna di veleni qui primavera ride.
 
 
Ride ubriaco il verso di gioia maligna; com’angue,
strisci, si attorca, snodisi tra i sibili.
 
 
Volate, volate, canzoni vampire, cercando
i cuor’ che amammo: sangue per sangue sia.
 
 
Ma che? Disvelasi lunge superbo a veder l’Argentaro
lento scendendo ne ‘l Tirreno cerulo.
 
 
Il sole illustra le cime. Là in fondo sono i miei colli,
con la serena vista, con le memorie pie.
 
 
Ivi m’arrise fanciullo la diva sembianza d’Omero.
Via, tu, Marlowe, a l’acque! tu, selva infame, addio.
 
ALLA MENSA DELL’AMICO
 
Non mai dal cielo ch’io spirai parvolo
ridesti, o Sole, bel nume, splendido
a me, sí come oggi ch’effuso
t’amo per l’ampie vie di Livorno.
 
 
Non mai fervesti, Bromio, ne i calici
consolatore saggio e benevolo,
com’oggi ch’io libo a l’amico
pensando i varchi de l’Apennino.
 
 
O Sole, o Bromio, date che integri,
non senza amore, non senza cetera,
scendiamo a le placide ombre
– là dov’è Orazio – l’amico ed io.
 
 
Ma sorridete gli augurî a i parvoli
che, dolci fiori, la mensa adornano,
la pace a le madri, gli amori
a i baldi giovani e le glorie.
 
RAGIONI METRICHE
 
Rompeste voi ‘l Tevere a nuoto, Clelïa, come
l’antica vostra, o a noi nuova Rea Silva uscite?
 
 
Scarso, o nipote di Rea, l’endecasillabo ha il passo
a misurare i clivi de le bellezze vostre:
 
 
solo co ‘l piè trïonfale l’eroico esametro puote
scander la vïa sacra de le lunate spalle.
 
 
Da l’arce capitolina de ‘l collo fidiaco molle
il pentametro pender, ghirlanda albana, deve.
 
 
Batta ne ‘l raggio de gli occhi, che fiero corusca sí come
tra i colli prenestini dietro l’aurora il sole,
 
 
batta l’alcaica strofe trepidando l’ali, e si scaldi
a i forti amori: indietro, tu settenario vile.
 
 
Oh, su la chioma ondosa che simile a notte discende
pe ‘l crepuscolo pario de le doriche forme
 
 
(lasciate a le serve, nipote di Rea, gli ottonari)
corona aurea di stelle fulga l’asclepiadea.
 
FIGURINE VECCHIE
 
Qual da la madre battuto pargolo
od in proterva rissa mal domito
stanco s’addorme con le pugna
serrate e i cigli rannuvolati,
 
 
tal ne ‘l mio petto l’amore, o candida
Lalage, dorme: non sogna o invidia,
s’al roseo maggio erran giocando
gli altri felici pargoli al sole.
 
 
Oh no ‘l destare! l’udresti, o Lalage,
di torbid’ire fiedere l’aere
rompendo i giuochi a’ lieti eguali,
dio di battaglia per me l’amore.
 
SOLE D’INVERNO
 
Nel solitario verno de l’anima
spunta la dolce imagine,
e tocche frangonsi tosto le nuvole
de la tristezza e sfumano.
 
 
Già di cerulea gioia rinnovasi
ogni pensiero: fremere
sentomi d’intima vita gli spiriti:
il gelo inerte fendesi.
 
 
Già de’ fantasimi dal mobil vertice
spiccian gli affetti memori,
scendon con rivoli freschi di lacrime
giú per l’ombra del tedio.
 
 
Scendon con murmuri che a gli antri chiamano
echi d’amor superstiti
e con letizia d’acque che a’ margini
sonni di fiori svegliano.
 
 
Scendono, e in limpido fiume dilagano,
ove le rive e gli alberi
e i colli e il tremulo riso de l’aere
specchiasi vasto e placido.
 
 
Tu su la nubila cima de l’essere,
tu sali, o dolce imagine;
e sotto il candido raggio devolvere
miri il fiume de l’anima.
 
EGLE
 
Stanno nel grigio verno pur d’edra e di lauro vestite
ne l’Appia trista le ruinose tombe.
 
 
Passan pe ‘l ciel turchino che stilla ancor da la pioggia
avanti al sole lucide nubi bianche.
 
 
Egle, levato il capo vèr’ quella serena promessa
di primavera, guarda le nubi e il sole.
 
 
Guarda; e innanzi a la bella sua fronte piú ancora che al sole
ridon le nubi sopra le tombe antiche.
 
PRIMO VERE
 
Ecco: di braccio al pigro verno sciogliesi
ed ancor trema nuda al rigid’aere
la primavera: il sol tra le sue lacrime
limpido brilla, o Lalage.
 
 
Da lor culle di neve i fior si svegliano
e curïosi al ciel gli occhietti levano:
il quelli sguardi vagola una tremula
ombra di sogno, o Lalage.
 
 
Nel sonno de l’inverno sotto il candido
lenzuolo de la neve i fior sognarono;
sognaron l’albe roride ed i tepidi
soli e il tuo viso, o Lalage.
 
 
Ne l’addormito spirito che sognano
i miei pensieri? A tua bellezza candida
perché mesta sorride tra le lacrime
la primavera, o Lalage?
 
VERE NOVO
 
Rompendo il sole tra i nuvoli bianchi a l’azzurro
sorride e chiama – O primavera, vieni! —
 
 
Tra i verzicanti poggi con mormorii placidi il fiume
ricanta a l’aura – O primavera, vieni! —
 
 
– O primavera, vieni! – ridice il poeta al suo cuore
e guarda gli occhi, Lalage pura, tuoi.
 
CANTO DI MARZO
 
Quale una incinta, su cui scende languida
languida l’ombra del sopore e l’occupa,
disciolta giace e palpita su ‘l talamo,
sospiri al labbro e rotti accenti vengono
e súbiti rossor la faccia corrono,
 
 
tale è la terra: l’ombra de le nuvole
passa a sprazzi su ‘l verde tra il sol pallido:
umido vento scuote i pèschi e i mandorli
bianco e rosso fioriti, ed i fior cadono:
spira da i pori de la glebe un cantico.
 
 
– O salïenti da’ marini pascoli
vacche del cielo, grigie e bianche nuvole,
versate il latte da le mamme tumide
al piano e al colle che sorride e verzica,
a la selva che mette i primi palpiti —.
 
 
Cosí cantano i fior che si risvegliano:
cosí cantano i germi che si movono
e le radici che bramose stendonsi:
cosí da l’ossa dei sepolti cantano
i germi de la vita e de gli spiriti.
 
 
Ecco l’acqua che scroscia e il tuon che brontola:
porge il capo il vitel da la stalla umida,
la gallina scotendo l’ali strepita,
profondo nel verzier sospira il cúculo
ed i bambini sopra l’aia saltano.
 
 
Chinatevi al lavoro, o validi omeri;
schiudetevi a gli amori, o cuori giovani;
impennatevi a i sogni, ali de l’anime;
irrompete a la guerra, o desii torbidi:
ciò che fu torna e tornerà ne i secoli.
 
SALUTO D’AUTUNNO
 
Pe’ verdi colli, da’ cieli splendidi,
e ne’ fiorenti campi de l’anima,
Delia, a voi tutto è una festa
di primavera: lungi le tombe!
 
 
Voi dolce madre chiaman due parvole,
voi dolce suora le rose chiamano,
e il sol vi corona di lume,
divino amico, la bruna chioma.
 
 
Lungi le tombe! Lontana favola
per voi la morte! Salite il tramite
de gli anni, e con citara d’oro
Ebe serena v’accenna a l’alto.
 
 
Giú ne la valle, freddi dal turbine,
noi vi miriamo ridente ascendere;
e un raggio del vostro sorriso
frange le nebbie pigre a l’autunno.
 

Страницы книги >> Предыдущая | 1 2 3 4 | Следующая

Правообладателям!

Это произведение, предположительно, находится в статусе 'public domain'. Если это не так и размещение материала нарушает чьи-либо права, то сообщите нам об этом.


  • 0 Оценок: 0
Популярные книги за неделю


Рекомендации